Il Reishi riduce l’azione cancerogena della sigaretta

Il Reishi riduce l’azione cancerogena della sigaretta

Il Reishi contrasta efficacemente e riduce l’azione cancerogena della sigaretta.
Il Prof. Lakasmi, oncologo del “Cancer Research Centre” del Kerala in India ha dimostrato che il Reishi è in grado di diminuire e di neutralizzare il Benzopirene la nota sostanza cancerogena presente nel fumo di sigaretta. Il benzopirene, come è noto si produce nella combustione della sigaretta, ma anche della nafta, degli oli combustibili e dei rifiuti urbani, quando vengono bruciati.

Il Reishi
Questo perché il Reishi ha un efficace ruolo antiossidante. Infatti aumenta la sintesi degli enzimi coinvolti nella disintossicazione e la risposta aumentando i principali agenti antiossidanti.
Il Reishi possiede una significativa attività anti-cancerogena dimostrata sia su esseri viventi, sia in esperimenti fatti in laboratorio in vitro.

I ricercatori confermano l’azione anticancerogena e preventiva del Reishi
I ricercatori hanno dimostrato che l’azione anti-cancerogena è dovuta al potenziamento dei principali enzimi antiossidanti, che ci difendono eliminando le grandissime quantità di radicali liberi, prodotti dal benzopirene, che sono uno delle principali modalità responsabili dell’azione cancerogena. (Pietropaole and Weinstein, 1975; Pezzuto et al., 1976; Burke et altri, 1981).

Le nostre difese sono costituite da due potentissimi sistemi difensivi, la  SOD (superossido dismutasi) ed il Glutatione, di cui il Reishi aumenta moltissimo l’attività. (Lakshmi, 2006).

Il Reishi ha dimostrato di essere un agente chemio preventivi e di essere necessario per limitare o neutralizzare l’azionecancerogena dellasigaretta, che è un grande cancerogeno.

Inoltre la ricerca sul tumore, che studia i meccanismi del tumore, cerca di orientare la maggior parte delle risorse verso la prevenzione, che considera protezione numero uno dal tumore.

Se smetti di fumare è meglio!
ma se proprio vuoi fumare, non rischiare, non fumare senza prendere il Reishi, che riduce i danni della sigaretta.

Cordialmente
dr Walter Ardigò

Bibliografia
Lakshmi B., Ajith T.A., Nayana Jose, Janardhanan K.K. “Antimutagenic activity of methanolic extract of Ganoderma lucidumand its effect on hepatic damage caused by benzo[a]pyrene” Journal of Ethnopharmacology 107 (2006) 297–303

Prodotti Collegati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...